Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_maputo

Nuove norme per l’ingresso di minorenni in Sud Africa.

Data:

17/11/2014



Nuove norme per l’ingresso di minorenni in Sud Africa.

 Dal 1 giugno 2015 tutti i minorenni in arrivo, transito o partenza dal territorio sudafricano dovranno viaggiare muniti di un proprio passaporto e di un atto di nascita in lingua inglese (o documento equivalente) in cui vengano riportati i nominativi dei genitori.

 

Se il minore viaggia accompagnato da un solo genitore o da solo, dovrà essere in possesso anche di una dichiarazione giurata (in forma di affidavit) riportante il consenso dell’altro genitore o di entrambi (se affidato a terzi o se viaggia da solo), oltre che, in caso di minore non accompagnato, dell’espressa assunzione di responsabilità da parte della persona incaricata di accoglierlo all’arrivo a destinazione in Sudafrica.

 

I connazionali residenti e iscritti all’AIRE in Mozambico che hanno figli minorenni e intendano viaggiare in Sud Africa dovranno quindi, con congruo anticipo rispetto alla data del viaggio, recarsi presso l’ufficio consolare dell’Ambasciata che provvederà a rilasciare un documento equivalente al certificato di nascita in lingua inglese e per effettuare l’eventuale dichiarazione di consenso (affidavit) se il minore viaggia accompagnato da uno solo dei genitori o con un accompagnatore, o da solo.

 

I connazionali non iscritti all’AIRE dovranno richiedere con ampio anticipo rispetto al viaggio previsto (eventualmente anche tramite l’ufficio consolare) al loro Comune italiano di residenza un certificato di nascita in formato internazionale nel quale siano indicati i nominativi dei genitori.

 

Sebbene le linee guida del dipartimento Affari interni del Sudafrica prevedano che non venga richiesto il certificato di nascita per minori con passaporti in cui sono indicati i nominativi dei genitori (è il caso dei passaporti italiani, limitatamente ai minori di 14 anni), si consiglia  in ogni caso, a titolo prudenziale in questa fase iniziale di applicazione della nuova normativa e in attesa di formali conferme da  parte delle autorità sudafricane, di viaggiare in ogni caso con il predetto certificato.

 

Sempre in base alla nuova normativa, per poter entrare in Sud Africa è necessario che il passaporto abbia una validità residua di almeno 30 giorni successiva alla data di uscita prevista dal Paese, con almeno 2 pagine libere da timbri e/o visti.

 

L’Ufficio consolare rimane a disposizione dei connazionali interessati, per ogni eventuale chiarimento.

 

 

 


172